Il 16 maggio 2001, si tenuto nella sala consiliare del Comune di Ceccano, un incontro-dibattito sulla Convenzione Internazionale di Washington e le sue applicazioni: legge, come molti sapranno, che disciplina il commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione.

Relatori la Dottoressa Elisabetta MORGANTE dell’Ufficio CITES, Ministero per le Politiche Agricole, C.F.S., il Dottor Antonio DE MARCO del CNR ed il Dottor Massimo CAMERATA, Presidente dell’Unione Italiana Ornitofili.

L’incontro, organizzato e fortemente voluto dall’Unione Italiana Ornitofili e dall’Unione Ornitologica Ciociara, ispirato da una forte esigenza di chiarezza per una normativa certo complessa e poco conosciuta, ha evidenziato subito il grande interesse suscitato negli addetti ai lavori, facendo registrare una numerosa partecipazione di allevatori, provenienti dalle varie province della regione e molti anche dalle vicine regioni del Centro Italia (oltre ottanta i partecipanti!).

Le normative CITES sono state illustrate nei particolari con la proiezione di lucidi e con esempi pratici. La Dottoressa Morgante, nel suo intervento, ha cercato di fornire ai presenti le informazioni necessarie riguardanti sia la legge sia i regolamenti comunitari che ad essa fanno riferimento.

La CITES, come noto, una Convenzione che nasce nel 1973, firmata a Washington da 21 paesi e, ad oggi, sono 143 gli stati che ad essa aderiscono. La relatrice schematizza in un grafico quelli che sono i livelli di incastro della Convenzione perch, spiega, "importante capire le caratteristiche particolari della CITES. Essa difende le specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione, secondo un sistema di licenze e certificati che vengono rilasciati, in casi particolari, secondo le regole previste. Le specie protette sono organizzate nella CITES a tre livelli di protezione che sono appunto le tre famose appendici. La Convenzione, di concezione internazionale, stata recepita anche a livello comunitario: dal 1 giugno 1997 sono entrati in vigore i nuovi regolamenti comunitari (il 338/97 e il 939/97) rispettivamente del Consiglio della Comunit Europea e della Commissione, che predispone l’attuazione pratica di quelle che sono le disposizioni del Consiglio. E’ importante rilevare", spiega ancora la Dottoressa Morgante, "che la normativa comunitaria anche pi restrittiva delle disposizioni della Convenzione di Washington e contiene anche un elenco di specie non CITES, ritenute potenzialmente non adatte all’introduzione nel territorio delle specie autoctone. Il regolamento organizzato in quattro Allegati (A-B-C- e D) mentre la CITES parla di Appendici (App.1 App. 2 App. 3) ".

La D.ssa Morgante passata quindi a commentare i singoli allegati proiettati, di volta in volta, in lucido, alla lavagna luminosa ed ha infine illustrato i meccanismi di importazione e di esportazione delle specie protette; lascia quindi la parola al Dr. Camerata e ai presenti invitandoli a chiedere chiarimenti e ad esprimere commenti.

Nel suo intervento il nostro presidente, tra l’altro, ha sottolineato l’importanza dell’allevamento facendo notare che, laddove esso viene esercitato, le specie selvatiche si sono conservate, grazie alla reintroduzione in natura. Quindi, ALLEVARE significa anche SALVARE, come stato il caso dello struzzo in Sudafrica, del colombo rosa nelle Mauritius e del geco gigante dell’Isola Rotonda, sempre delle Mauritius.

Nella sua conclusione, il Dr. Camerata ha fatto rilevare che " inutile perseguitare chi alleva nella suddetta prospettiva quando, invece, la vera causa dell’estinzione delle specie animali da ricercarsi altrove: lo sfruttamento delle risorse naturali , unitamente alla distruzione degli ecosistemi, la principale causa dell’estinzione e rarefazione in natura di numerose specie".

Successivamente si passati al dibattito vero e proprio, molto atteso dagli ornitofili, che anche recentemente, hanno avuto problemi nell’applicazione pratica della normativa CITES. Moltissimi gli interventi, alcuni anche particolarmente sentiti ed appassionati, tendenti in gran parte a cercare di comprendere meglio i meccanismi della legge, le specie incluse ed alcuni problemi particolari.

Al termine dell’incontro gli ornitofili presenti si sono dichiarati molto soddisfatti dell’iniziativa ed hanno invitato gli organizzatori a sviluppare questo genere di discorso con dispense ed eventuali altri incontri riguardanti soprattutto la detenzione di esemplari protetti di fauna ornitica, sia autoctona che selvatica.
 
 

torna alla pagina precedente